SUPER OFFERTE SULLE WINE BOX E SPEDIZIONI GRATUITE
SUPER OFFERTE SULLE NOSTRE WINE BOX E SPEDIZIONI GRATUITE
Home / Dizionario enologico / Terroir: fascino e identità del vino in una parola
Terroir: fascino e identità del vino in una parola
Dizionario

Terroir: fascino e identità del vino in una parola

ROSADIVINI
ROSADIVINI
Redazione

Terra, clima, tradizioni locali, lavoro e fattore umano. Tutto questo in una sola parola: terroir. Un termine francese – non facile da tradurre – che comprende l’insieme di condizioni naturali, fisiche e chimiche, geografiche e climatiche che danno a un vino la sua specifica, unica, identità.

Il quid che rende il “prodotto” in questione subito identificabile, facilmente riconoscibile. Un concetto complesso quello di terroir che abbraccia più fattori che interagiscono tra loro, mescolandosi e comprendendo un mondo. 

Cos’è esattamente il terroir

Suolo e sottosuolo di un luogo, di una regione, raccontano una storia fatta di erosioni dovute a fattori chimici, fisici, biologici, ma anche legata alla presenza di microrganismi e macrofauna, concimazione minerale che si aggiunge alla concimazione organica modificando le caratteristiche del terreno.

Come pure il fattore idrico e le diverse temperature (ambienti più caldi fanno aumentare il tenore zuccherino degli acini portando di conseguenza a un vino più alcolico).

Esposizione ai raggi solari e ai venti, l’umidità più o meno consistente, fanno sì che uno stesso vitigno impiantato su diversi terreni possa produrre uve con caratteristiche diversissime. Di conseguenza anche vini molto distanti tra loro sia come struttura che come aromi. 

Terroir – che si potrebbe tradurre in “terra tipica”, “luogo tipico” –  è una combinazione di fattori che fanno un vino di alta qualità e riconoscibile sin dal primo assaggio:

  • posizione geografica
  • terreno-suolo
  • vitigno
  • modalità di cultura in vigna e di vinificazione in cantina.

Anche il modus di commercializzazione e di consumo ha un ruolo non secondario.

Questione di cru 

L’estremizzazione del concetto di “terroir” (soprattutto in termini di livello qualitativo del prodotto) è quello di cru.

Si tratta di un micro-terroir di fatto, presente nelle grandi regioni vinicole francesi, dove a pochi metri di distanza ci sono diverse cru.

Ne esistono anche in Italia, nelle stesse regioni, da nord a sud, anche se meno estremizzate rispetto alle cru francesi.

L’uomo e il suo lavoro portano al risultato

L’uomo, come ultimo soggetto coinvolto in questo percorso in ordine di tempo, è determinante nella produzione della qualità del vino. Può con il suo intervento vanificare o esaltare un’uva particolarmente pregiata.

Tutto ciò avviene naturalmente con il suo lavoro in vigna (dalla potatura alla legatura…), con la cura del vigneto e dei suoi frutti durante tutta la fase della loro maturazione (diradamento, concimazione minerale o altro), per concludere durante la vinificazione, l’affinamento e la conservazione scrupolosa in cantina.

Non di poco conto, infatti, anche la scelta dei momenti in cui compiere il rito del travaso, dalla botte alla damigiana o alla bottiglia. Per non parlare poi dell’importanza del giusto ambiente, dell’ubicazione delle cantine dove la lavorazione si compie e magari inizia il rito del primo assaggio.

Lettura consigliata: Come si produce il vino

Scopri InCantina e scegli un vino selezionato da ROSADIVINI

Creato il 19/02/2022, aggiornato il 11/09/2022. © Riproduzione riservata.
Carrello
Non ci sono prodotti in carrello!
Continua a fare acquisti
Consegna entro martedì 18 Giugno
Acquisto sicuro connessione criptata
Hai bisogno di aiuto?