Home / Magazine / Cosa bere con / Dolci di Carnevale: quali vini abbinare?
Dolci di Carnevale: quali vini abbinare?
Cosa bere con

Dolci di Carnevale: quali vini abbinare?

ROSADIVINI
ROSADIVINI
Redazione

Il Carnevale, con la sua allegria e le sue tradizioni, porta con sé una varietà di dolci irresistibili. Ogni regione d’Italia sfoggia orgogliosamente le sue specialità, dalle chiacchiere alle castagnole, dai frittelle alle zeppole.

I cibi tipici del Carnevale sono soprattutto dolci, ma per gustarli ancora al meglio ecco che trovare il giusto abbinamento con il vino diventa fondamentale. Non tutti i dolci si abbinano infatti con il classico spumante, anche se questa teoria è stata messa in discussione negli ultimi anni, quando si è visto che alcuni dessert si sposavano meglio con alcuni tipi di vino dolce e non per forza con le bollicine. E allora ecco che, soprattutto in tempi di Carnevale, vale la pena approfondire l’argomento soffermandoci sui cibi e i vini da abbinare.

Quali sono i dolci tipici del Carnevale?

Come già in parte anticipato, a Carnevale più che di cibi tipici si dovrebbe parlare di dolci. Sono soprattutto quelli, infatti, a caratterizzare questo periodo dell’anno e a seconda della regione si potranno anche gustare versioni diverse degli stessi dolcetti.

Per gli appassionati di dolci questo è un periodo decisamente felice perché sono molte le ricette da sperimentare e da gustare. I dolci da poter preparare sono davvero tantissimi e molti di questi vantano ricette semplici e genuine a base di pochi ingredienti: uova, burro, farina, latte, a volte miele per guarnire o zucchero a velo. Ma quale vino abbinare ad ognuno di questi dolcetti? Individuare i migliori accostamenti tra vino e cibi del Carnevale è la cosa migliore per puntare tutto sul gusto!

Vini e dolci di Carnevale: alla scoperta dei migliori abbinamenti

Dalle cicerchiate tipiche del Centro Italia alla schiacciata fiorentina che trova spazio in Toscana; dalle castagnole di Veneto, Emilia Romagna e Lazio alle chiacchiere, che a seconda della regione diventano cenci oppure frappe o bugie. E ancora, ecco che nelle settimane del Carnevale trovano spazio le frittelle di mele tipiche dell’Alto Adige, le graffe e gli arancini del Carnevale le cui origini sono da ricercare nelle Marche.

Chiacchiere e Moscato d’Asti: un classico intramontabile

Le chiacchiere, conosciute in alcune regioni come frappe o cenci, sono tra i dolci più iconici del Carnevale
italiano. Croccanti, leggere e spolverate di zucchero a velo, queste delizie si abbinano splendidamente con un bicchiere di Moscato d’Asti. Questo vino piemontese, dolce e frizzante, con note di pesca e albicocca, completa alla perfezione la semplicità delle chiacchiere, bilanciandone la dolcezza senza sovrastarla.

Castagnole e Passito di Pantelleria: un viaggio nei sapori

Le Moscato d’Asti, morbide frittelle aromatizzate con limone o anice, trovano il loro compagno ideale nel
Passito di Pantelleria. Questo vino dolce, prodotto nelle isole siciliane, è famoso per il suo ricco bouquet di frutta matura, miele e spezie. La sua struttura e intensità si armonizzano perfettamente con la consistenza delle castagnole, creando un equilibrio gustativo che viaggia tra dolcezza e complessità.

Frittelle di Mele e Recioto della Valpolicella: l’abbinamento raffinato

Le frittelle di mele sono un altro classico del Carnevale, amate per la loro dolcezza naturale e la consistenza morbida. Per accompagnare questo dolce, suggeriamo un Recioto della Valpolicella, un vino veneto dalla ricca palette aromatica, con sentori di ciliegia, prugna e spezie. La sua eleganza e la sua struttura si sposano magnificamente con la dolcezza fruttata delle frittelle, in un abbinamento che stupirà i vostri sensi.

Zeppole e Vin Santo: un finale in bellezza

Le zeppole, sia nella versione fritta che al forno, sono una vera e propria celebrazione della tradizione
dolciaria italiana. Per queste delizie, proponiamo un abbinamento con il Vin Santo, un classico vino toscano da meditazione. Con le sue note di frutta secca, miele e caramello, il Vin Santo esalta la ricchezza delle zeppole, creando un finale di pasto ricco e soddisfacente.

Conclusione

Abbinare i vini ai dolci di Carnevale non è solo una questione di gusto, ma anche di conoscenza e rispetto
delle tradizioni italiane
. Ogni abbinamento suggerito in questo articolo mira a valorizzare sia il dolce che il vino, creando un’esperienza culinaria che celebra la ricchezza e la diversità della nostra cultura
enogastronomica.

Creato il 17/02/2023, aggiornato il 29/01/2024. © Riproduzione riservata.