SUPER OFFERTE SULLE WINE BOX E SPEDIZIONI GRATUITE
SUPER OFFERTE SULLE NOSTRE WINE BOX E SPEDIZIONI GRATUITE
Home / Guide enogastronomiche / Il galateo del vino: tutto ciò che devi sapere
Il galateo del vino: tutto ciò che devi sapere
Guide

Il galateo del vino: tutto ciò che devi sapere

Veronica Nava
Veronica Nava
Wine Specialist

Come si versa il vino secondo il galateo? Per stappare e versare la bottiglia di vino ai tuoi amici, segui i seguenti passaggi. Anche per chi beve, chi serve, chi regala una bottiglia di vino, esiste il “SAPERSI COMPORTARE”. Leggi la guida galateo vino.

Indice

Le buone maniere esistono anche per la categoria vino. Grazie alle piccole regole del galateo vino saprai come approcciarti tra una bottiglia e un calice.

Non è mai banale condividere una passione, oltre ad essere un piacere, sapere come comportarsi è un modo corretto ed elegante per stupirsi e stupire con l’affascinante mondo del vino.

Galateo vino: come comportarsi tra calici e bottiglie di vino

Elenco regole galateo:

  • Quando apri una bottiglia ricordati sempre di tenerla ferma sulla tavola o il piano d’appoggio utilizzato, mentre la stappi l’etichetta del vino deve essere sempre rivolta verso le persone. Cerca di essere elegante e assolutamente silenzioso. I botti non sono per nulla eleganti, nemmeno nelle grandi occasioni. 
  • Tieni sempre il calice alla base con il pollice e l’indice. Questo ti permette di non lasciare impronte poco piacevoli sul bicchiere. Non rischi di scaldare il vino con il calore delle mani e non rischi di alterare i profumi del vino con i profumi o gli odori della pelle. E poi, oltre ad una presa del calice più sicura, è anche più elegante da vedere.
  • Impara ad annusare il vino prima di berlo tutto d’un fiato. Ovviamente senza inserire tutto il naso nel bicchiere. È sufficiente annusare per qualche secondo e assaporare sorso dopo sorso.
  • Ricordati di bere sempre dallo stesso lato del bicchiere per il vino. Anche senza il rossetto le labbra possono lasciare un’impronta.
  • In qualsiasi situazioni ti trovi, ristorante o a casa di amici, la cosa peggiore che puoi fare è rovesciare la bottiglia di vino vuota nel cestello del ghiaccio. Non si fa mai!!!

Cortesie per gli ospiti

  • Se ti regalano una bottiglia di vino, aprila subito. Non importa se hai già aperto delle bottiglie e non importa se il vino in questione non è abbinabile a nessun piatto preparato.
  • Ricordare di versare il vino alle altre persone prima di sé stessi. Non c’è nulla di più maleducato che riempire prima il proprio calice e poi quello dei commensali. Parti sempre col servire le signore (dalla più “grande”, se ne conosci l’età). Se però al tuo tavolo spicca una figura importante (es. un politico o un prelato) dai a loro la precedenza.
  • Se al tavolo è assente un commensale nel momento del servizio vino, non versare il vino nel calice in sua assenza, attendi il suo ritorno e procedi.
  • Dire “cin cin” durante il brindisi è maleducazione. Basta sollevare il calice di vino e guardare la persona negli occhi. È una forma di rispetto e soprattutto si evitano peripezie agli ospiti più distanti.

Come servire il vino

Sia che tu sia un esperto o che tu sia un buon padrone di casa, devi conoscere alcuni passaggi importanti su come servire il vino, secondo il galateo vino:

  • Porta al tavolo le bottiglie sempre con particolare cura e preoccupati di avere sempre un cavatappi professionale* e un frangino in stoffa. Scuro per il vino rosso e chiaro (meglio bianco) per il vino bianco.
  • Se vuoi realizzare perfettamente la stappatura, non dimenticare un bicchiere da degustazione. Ti permetterà di assaggiare e valutare la qualità del vino prima di servirlo.
  • Presenta sempre la bottiglia alla sinistra della persona e con l’etichetta vino ben in vista. A questo punto una piccola descrizione (nome del vino, la denominazione, la zona di produzione, l’annata ed il produttore). Se si tratta di una bottiglia importante fai qualche riferimento alla sua storia e alla storia della cantina, è sempre piacevole condividere la propria cultura ed il proprio sapere in modo sobrio e discreto.
  • Se la bottiglia si presenta alla sinistra della persona, il vino si serve alla sua destra, mostrando l’etichetta e seguendo le “norme di bon ton”. 

Prese della bottiglia per la mescita

Il galateo dice che due possono essere le corrette prese della bottiglia per la mescita del vino:

  • Impugnare la bottiglia di vino sul fondo con la mano destra, ricorda sempre di rendere ben visibile l’etichetta della bottiglia, versare con attenzione e al termine, una leggera rotazione della stessa permette di evitare il gocciolamento del vino. Tenere il braccio sinistro lungo il fianco e portare la mano possibilmente dietro la schiena. Nel caso di vino rosso, meglio procedere ad asciugare le eventuali gocce di vino dal collo della bottiglia, dopo ogni mescita, con il frangino.
  • Se la presa del fondo della bottiglia risulta scomoda o poco sicura, afferra la stessa impugnandola centralmente con il palmo della mano destra ma senza coprire l’etichetta anteriore della bottiglia di vino. Questa deve sempre essere rivolta e ben visibile al commensale. Proseguire poi con la stessa tecnica e modalità per evitare possibili sgocciolamenti.    

Come aprire una bottiglia di vino o di bollicine

Grazie al galateo vino sappiamo anche come si apre una bottiglia.

SPUMANTE:

Per prima cosa si elimina la capsula, si allenta e poi si toglie la gabbietta in metallo. Impugna la base della bottiglia con la mano destra, tieni il tappo tra il dito indice ed il pollice della mano sinistra (se necessario con un frangino) mentre con l’altra ruota delicatamente la bottiglia e non il contrario.

Se si inclina la bottiglia a 45° aumenta la superficie del liquido a contatto con l’aria e si evitano fuoriuscite dello stesso.

Il tappo liberato viene spinto dalla pressione interna ed esercitando con il pollice una delicata pressione (contraria), si impedisce di esplodere e creare il classico “botto”. 

Annusa il tappo, se è tutto ok asciuga il collo della bottiglia con il frangino e finalmente puoi servire lo spumante.

Approfondimento brut spumante

VINO FERMO:

Si parte con incidere la capsula sotto l’anello utilizzando il coltellino del cavatappi. Non muovere e non ruotare la bottiglia. Togli la capsula e pulisci la parte superiore del collo con il frangino. Inserisci il verme del cavatappi nel tappo, senza oltrepassarlo per evitare cadute di piccole particelle di sughero. Appoggia la leva del cavatappi sul bordo del collo della bottiglia ed estrai il tappo con delicatezza evitando di romperlo.

Quando il tappo sta per uscire, concludi l’estrazione a mano aiutandoti con il frangino. Ricorda di non toccare mai il tappo direttamente con le mani ed evita qualsiasi rumore. Annusa il tappo, asciuga il collo della bottiglia con il frangino e procedi con il servizio del vino.

*Cavatappi: Il cavatappi professionale è quello a leva. Il manico nasconde nella parte superiore un piccolo coltello che serve per incidere ed eliminare la capsula. Nella parte interna del manico si trova il verme, spirale in acciaio da inserire nel tappo per estrarlo.

Fatte queste operazioni, finalmente si beve.

Galateo del vino: quanto vino versare nel bicchiere

Il bicchiere non deve mai essere riempito completamente. Non è elegante e non si riesce a ruotarlo.

Quindi:

  • Vini beverini/giovani il volume ideale è di 2/3 o 1/2 a seconda della tipologia del bicchiere (10 cl – 15 cl)
  • Vini mediamente strutturati il volume è di 1/4 o 1/3 a seconda della tipologia del bicchiere (10 cl – 15 cl)
  • Vini strutturati il volume ideale è di 1/6 o 1/7 a seconda della tipologia del bicchiere (10 cl – 15 cl)
  • Vini spumanti il volume ideale è di 4/5 utilizzando i flùte, bicchiere dalla forma stretta e allungata.

Quale bicchiere si usa per bere il vino?

Vini bianchi:

  • flute (vini spumanti)
  • tulipano (vini bianchi beverini/giovani)
  • renano (vini bianchi strutturati)

Vini rossi:

  • ballon (vini rossi di media struttura)
  • borgogna (vini rossi strutturati)
  • gran ballon (vini molto strutturati)

Vini passiti:

  • coppa (vini spumanti dolci)
  • tulipano piccolo (vini passiti) 

Descrizione bicchieri per il vino

BASE: Serve per impugnare correttamente e stabilmente il bicchiere.

STELO: Sottile e lungo serve sia per allontanare la mano dal calice sia per ruotarlo agevolmente.

CALICE: Con la classica forma del fiore tulipano, serve per concentrare i profumi verso il naso. 

Curiosità bicchiere a coppa:

“Il perfetto seno della donna è quello capace di riempire una coppa di Champagne”.

Questo bicchiere che oggi viene utilizzato per i soli spumanti dolci, storicamente lo si utilizzava solo per lo Champagne che era un vino dolce e aromatico.   

Scopri la sezione InCantina! Potrai scegliere tra le migliori etichette delle cantine italiane selezionate da ROSADIVINI.

Creato il 10/11/2021, aggiornato il 15/01/2023. © Riproduzione riservata.
Veronica Nava
Sull'autore:
Wine Specialist
La mia vita... "cogliere l' essenza di ogni viaggio", quello di tutti i giorni! Dal liceo artistico l'amore per le forme, le linee, i tratti. Cogliere gli stimoli esterni per renderli esperienze... di crescita, di scelte, passate e presenti. E […]
Carrello
Non ci sono prodotti in carrello!
Continua a fare acquisti
Consegna entro giovedì 13 Giugno
Acquisto sicuro connessione criptata
Hai bisogno di aiuto?